Pistoia e il Lampredotto

Lo scorso sabato, accompagnati da una giornata di sole, ci siamo recati in Toscana. Nella piccola e graziosa Pistoia.

Trascorsa la mattinata nel centro storico, affollato dal mercato settimanale, è giunta l’attesa ora del pranzo, motivo reale per il quale siamo giunti qui.

Abbiamo raggiunto la piccola trattoria a piedi, in soli 10 minuti dalla cattedrale, la quale merita una visita per la sua bellezza.

Quale posto migliore per mangiare un piatto tipico e storico come il lampredotto  se non da loro, Le Zie del Lampredotto.

Una gentile signora ci accoglie all’ingresso portandoci al tavolo, prendiamo vino della casa, CHIANTI e alcune cose da dividerci per poter assaggiare un pò di tutto. Ordiniamo quindi: panino con lampredotto, d’obbligo per tutti, e poi a seguire la zuppa del carcerato, la ribollita e il cacciucco di frattaglie.

Panino con lampredotto davvero buono, con pane fresco, lampredotto cucinato a regola d’arte, salsa verde, peperoncino e tanto pepe.

Il Cacciucco di Frattaglie davvero molto buono, ma il piatto principe del mio viaggio è la zuppa del carcerato, come descritto sul menù:

Il Carcerato è una zuppa tipica Pistoiese, che nasce dalla vicinanza dei macelli con le carceri di Pistoia . Rivisitata dalle Zie , è a base di trippa, lampredotto, cantopelle, pane e verdure.

dal menù le Zie del Lampredotto

Cremosa, saporita ma anche delicata. Potrei scommettere che anche la più restia all’assaggio delle frattaglie, l’apprezzerebbe; per questo motivo l’abbiamo ordinata una seconda volta.

Non riesco a capire quanti mi dicano che non amano la trippa o le frattaglie, non capisco se si tratta di pregiudizio o d’averle assaggiate nel posto sbagliato, ma se voleste ripensarci e riprovarci questo è davvero il posto giusto.

Il locale è carino e familiare, quello che ci si aspetta da una trattoria tradizionale, il servizio molto cordiale, sia la signora che il giovane ragazzo ed il signore che abbiamo intravisto nella piccola cucina interamente a vista. Subito ho immaginato fosse lui il cuoco, ma poi la signora mi ha detto di essere lei l’artefice di tutte queste bontà.

Il nostro pasto è terminato con dei cantucci artigianali, direi fatti da loro e un bicchierino di Vin Santo.

https://www.facebook.com/pages/category/Italian-Restaurant/Le-Zie-del-lampredotto-240797239274112/

LE ZIE DEL LAMPREDOTTO via 4 Novembre, 45 Pistoia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *